Domus Œconomica

dscf0303.JPG

Domus Œconomica è stato un work in progress sul riutilizzo di ciò che ogni consumatore allontana da sé. Si proponeva di costruire oggetti e zone d’arredo a partire dagli scarti della casa – quelli scomodi, pressoché identici prima e dopo l’uso – relitti indegradabili della quotidianità moderna. Recuperare i rifiuti solidi urbani è trattenerli, strappandoli all’eliminazione o allontanamento cui sono destinati: voler lasciare un’orma, un indizio diverso a chi resta. La plastica ad esempio: derivata dal petrolio, il motore dell’economia mondiale. Simbolo dell’industrializzazione evoluta, del consumismo. Materiale che inquieta e affascina. Il progetto Domus economica reintegrava fra le quattro mura i materiali dismessi dal comune ciclo d’uso. E ridefiniva il contesto abitativo, la legge del consumo, la sorte di ogni cosa.

Al termine del progetto il totale di bottiglie raccolte è stato di circa 10000 unità: spesso procurate tra gli amici, porta a porta, nei bar, ristoranti, mense, asili, scule, feste, per strada o nei cassonetti, ecc…
Tutto questo parlando con la gente, spiegando quale era il progetto e cercando di coinvolgerli incuriosendoli sulle potenzialità di una semplice bottiglia di plastica.

tenda.JPGdscn4867.JPG

dscn4860.JPGpoltrona.jpgsala-da-pranzo.jpg

Il progetto è poi diventato un’installazione alla Fiera di Rimini in occasione di Ecomondo 2005

dscf0195.JPGdscf0199.JPGdscf0304.JPG

dscf0190.JPGdscf0303.JPG

Annunci

One thought on “Domus Œconomica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...